USA LA TUA TESTA

Contro il condizionamento mediatico

  • Questo non è un normale sito di informazione alternativa.
    Il nostro progetto tenta di portare la conoscenza in strada, a disposizione della gente comune, che non si documenta tramite il web ma solamente con giornali e tv.
    Il primo passo per cambiare è che tutti noi diventiamo partecipi dell'informazione, smettendola con la sola agitazione sul web e annullando i confini che ci separano. Dobbiamo formare un gruppo compatto che lavori con efficacia e si espanda ovunque.
    Il nostro scopo è far recuperare il libero pensiero alla gente e spingere ognuno ad interpretare notizie e informazioni con la propria testa.
    Solo in questo modo si può sperare in un cambiamento.

  • Enter your email address to subscribe to this blog and receive notifications of new posts by email.

    Segui assieme ad altri 89 follower

  • Archivio mensile

    gennaio: 2010
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
  • Gestito da:

  • Meta

  • Blog Stats

    • 89,281 hits
  • wordpress com stats plugin

Gli americani arruolano gli squadroni della morte tra gli ex di Saddam

Posted by mrdrago88 su 3 gennaio 2010

Superpoliziotti, armati fino ai denti, con licenza di compiere interrogatori e irrompere nelle case degli iracheni «sospetti». È questa la carta d’identità della nuova «creatura» partorita da Ahamed Chalabi, ambiguo e discusso esponente del nuovo corso iracheno e ascoltato consigliere degli amministratori inviati da Bush.

Come spiega il Washington Post in una dettagliata e ben informata corrispondenza da Baghdad la creazione di un «corpo paramilitare» segreto è stata decisa nel corso di una riunione tra esponenti della Coalizione guidata da Paul Bremer, ministri del governo locale tra i quali Ahamed Chalabi che appare l’ispiratore dell’idea. La novità è clamorosa per varie ragioni e rappresenta un dietro-front del messaggero di Bush e dello stesso Chalabi. Quest’ultimo infatti, già leader in esilio dell’Iraqi National Congress e ribelle anti-Saddam con i soldi della Cia, è stato finora il teorico delle epurazioni ai danni degli esponenti del partito Baath, al potere fino al 9 aprile. Finora il governatore Bremer ha assecondato, con qualche eccezione e molte riserve, le «purghe» proposte dagli elementi più estremisti del governo ad interim. Per questo nella formazione dei primi reparti della polizia e dell’esercito gli elementi baathisti sono stati in larga misura emarginati ed esclusi.

Ma ora, dopo gli attentati e mentre proseguono gli agguati ai danni dei soldati Usa, Bremer ha cambiato idea. La nuova forza «paramilitare» sarà infatti composta non solo da poliziotti e soldati disoccupati, ma addirittura da elementi dei servizi segreti di Saddam Hussein che saranno quindi sguinzagliati contro i loro ex colleghi. Il compito degli 007 iracheni sarà infatti – spiega il quotidiano americano – quello di dare la caccia agli irriducibili del passato regime, ai miliziani del gruppi integralisti islamici, e ai guerriglieri arabi accorsi in Iraq per combattere la «jihad» contro gli occupanti. Bremer, dopo essersi opposto ai progetti di Chalabi, si è finalmente convinto che la forza paramilitare può essere utile, ma – spiega il Washington Post – ha posto come condizione (dispone di un diritto di veto assoluto su ogni decisione) la «stretta supervisione» americana sui super-poliziotti iracheni. A Baghdad e nel resto del paese agirà dunque una forza paramilitare segreta dotata di poteri eccezionali, che potrà operare al di fuori dei reparti regolari e sarà sottoposta solamente al controllo delle forze occupanti. All’interno del reparto delle «teste di cuoio» sarà creata un’unità dei servizi segreti incaricata di individuare gli obiettivi.

L’iniziativa segnala le crescenti difficoltà degli inviati di Bush in Iraq che devono ormai fronteggiare emergenze in ogni angolo del paese. A Najaf i notabili sciiti hanno proclamato uno sciopero generale per protestare per la mancanza di sicurezza. Pochi giorni fa due magistrati impegnati nella raccolta di denunce sui crimini del passato regime sono stati sequestrati da un commando. Uno di loro, il procuratore Mohan Jaber al-Shwaeli, è stato assassinato con un colpo alla nuca, mentre l’altro è stato misteriosamente risparmiato e, al suo ritorno, ha detto che i killer hanno eseguito una «sentenza» nel nome di Saddam Hussein. Il delitto è la riprova che, anche nelle regioni a sud di Baghdad popolate dalla maggioranza sciita, gli apparati del disciolto partito Baath continuano ad agire impunemente e a colpire coloro che vogliono indagare sul recente passato e sulle stragi ordinate dal regime di Saddam contro i movimenti sciiti. Per questo i capi moderati di Najaf hanno chiesto ed ottenuto un incontro con i collaboratori di Bremer, ma, insoddisfatti per le risposte ottenute, hanno proclamato la protesta ad oltranza.
Questo fatto rischia di incrinare ulteriormente le relazioni tra i capi dell’amministrazione americana e i leader sciiti moderati che, coraggiosamente, si stanno battendo per arginare la spinta integralista che potrebbe contagiare ben presto la popolazione sciita in particolare a Najaf e Karbala. L’altro pericolosissimo focolaio è la città di Kirkuk, cuore petrolifero dell’Iraq e terra di confine con le regioni curde. Qui le vendette stanno colpendo gli ex esponenti del regime come Jamila Abbas Khumeidi, già dirigente del Baath, ferita ieri assieme a sua figlia in un attentato dinamitardo compiuto contro la sua abitazione. Poche ore dopo un razzo ha colpito la sede di un’organizzazione curda: a Kirkuk insomma arabi sunniti e curdi si preparando alla resa dei conti, mentre gli americani sono «distratti» dalle violenze che insanguinano il «triangolo sunnita» ad ovest di Baghdad.

Advertisements

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: