USA LA TUA TESTA

Contro il condizionamento mediatico

  • Questo non è un normale sito di informazione alternativa.
    Il nostro progetto tenta di portare la conoscenza in strada, a disposizione della gente comune, che non si documenta tramite il web ma solamente con giornali e tv.
    Il primo passo per cambiare è che tutti noi diventiamo partecipi dell'informazione, smettendola con la sola agitazione sul web e annullando i confini che ci separano. Dobbiamo formare un gruppo compatto che lavori con efficacia e si espanda ovunque.
    Il nostro scopo è far recuperare il libero pensiero alla gente e spingere ognuno ad interpretare notizie e informazioni con la propria testa.
    Solo in questo modo si può sperare in un cambiamento.

  • Enter your email address to subscribe to this blog and receive notifications of new posts by email.

    Segui assieme ad altri 90 follower

  • Archivio mensile

    gennaio: 2010
    L M M G V S D
    « Dic    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031
  • Gestito da:

  • Meta

  • Blog Stats

    • 90,990 hits
  • wordpress com stats plugin

Eroi senza medaglie

Posted by mrdrago88 su 3 gennaio 2010

di Sigfrido Ranucci, a cura di Maurizio Torrealta
Tratto da RaiNews24 www.rainews24.it/Notizia.asp?NewsID=62654  

Una nuova inchiesta di Rai News 24, sui motivi del mancato assegnamento delle medaglie d’oro ai caduti di Nassiriya che in tanti avevano invece annunciato all’indomani della strage
Quegli eroi, la cui morte aveva commosso tutto il Paese, morti per lo Stato Italiano, sono rimasti senza il massimo riconoscimento per un militare. 
Nell’inchiesta emerge anche che alcuni tra i militari italiani morti nella strage di Nassiriya, del 12 novembre del 2003, sono morti a causa dell’esplosione della riservetta posta davanti alla base “Maestrale”. Nei corpi di alcuni dei soldati sono stati trovati proiettili appartenenti ai reparti italiani esplosi in seguito all’attentato terroristico. Secondo le norme di sicurezza il deposito di armi doveva essere posto al riparo da eventuali attacchi.

Tutto questo viene denunciato nell’ inchiesta di Rai News24, realizzata da Sigfrido Ranucci e a cura di Maurizio Torrealta, in onda giovedì 29 giugno sul canale satellitare e su Rai 3 alle ore 7,40. 
Nel documento, realizzato dall’inviato Sigfrido Ranucci, viene mostrato un filmato inedito dove si vede la base attaccata e si odono chiaramente i colpi impazziti provenienti dalla riservetta che esplodono per una decina di minuti. Il legale della famiglia di Alessandro Carrisi, il caporale scelto dell’esercito morto a Nassiriya, Francesca Conte ha dichiarato che il suo assistito è morto proprio a causa dell’esplosione della riservetta e che probabilmente anche altri ragazzi potrebbero essere morti per lo stesso motivo. 
L’ex maresciallo Domenico Leggiero, responsabile del Comparto difesa dell’osservatorio militare ha mostrato a Rai News 24 delle foto inedite scattate immediatamente dopo la strage, e ha detto “che se fossero state rispettate le norme di sicurezza, probabilmente il numero dei morti non sarebbe stato così alto”.

La procura militare sta indagando da tempo su queste vicende e sta accertando eventuali carenze nella sicurezza della base. Sul tavolo del procuratore Antonino Intelisano ci sono due rapporti: quello del generale dell’Esercito Antonio Quintana, l’altro del generale dei Carabinieri Virgilio Chirieleison. In entrambi è sottolineato il comportamento esemplare dei militari che hanno risposto al fuoco appena avuta la percezione del pericolo. Ma se nel rapporto dei carabinieri la base risulta adeguatamente protetta, in quello dell’esercito emergono rilievi sulla gestione della sicurezza. Nel filmato è documentata, con immagini inedite girate dal giornalista Fabrizio Feo, anche la difesa di una base italiana a Kabul nel 2003. L ‘inviato Sigfrido Ranucci nel corso dell’inchiesta ha raccolto la denuncia di alcuni dei familiari delle vittime dell’attentato, indignati per il mancato riconoscimento della medaglia d’oro al valor militare ai propri cari caduti a Nassiriya e soprattutto dal fatto che non stati mai informati dalle precedenti istituzioni sui motivi ufficiali per i quali non è stata assegnato il massimo riconoscimento militare.

Dall’inchiesta e dalle interviste all’ on. Ignazio La Russa e all’ ex ministro Maurizio Gasparri emerge chiaramente che il motivo per cui la medaglia d’oro non è stata assegnata alle vittime di Nassiriya e’ perché la missione italiana è inquadrata nell’ambito di un intervento umanitario. ” Se è questo il motivo” – ha detto Morris Carrisi, fratello di Alessandro – allora vuol dire che mio fratello l’hanno ucciso due volte, la prima con l’attentato, la seconda per l’ipocrisia della gente”.

Annunci

Sorry, the comment form is closed at this time.

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: